Da noi è attivo il nuovo servizio di Holter pressorio, per il monitoraggio della pressione arteriosa nelle 24 ore!

sabato, maggio 30, 2015

Intolleranza al glutine: consulto col dietista.

Sintomi come gonfiori, dolori addominali, cefalea, potrebbero nascondere la sensibilità al glutine o una celiachia. Per chiarire dubbi sull’alimentazione senza glutine o semplicemente per saperne di più, sarà possibile effettuare un consulto con un esperto dietista, nella giornata di sabato 13 Giugno, presso la nostra Farmacia.



Se avete notato sintomi che indicano un disturbo collegato al glutine, non dovete assolutamente ignorarli ma contattare un medico o uno specialista (ad esempio un gastroenterologo), con cui discutere come procedere per arrivare a definire una diagnosi.
Prima di iniziare una dieta priva di glutine bisogna, tuttavia, attendere che venga esplicitamente prescritta dal medico. Una rinuncia prematura al glutine può infatti invalidare i risultati del test. 

Se dopo gli esami diagnostici si è esclusa un’allergia al frumento ed una diagnosi di celiachia, si può prendere in considerazione una sensibilità al glutine. L’adottare una dieta priva di glutine nella maggior parte dei casi comporta un rapido miglioramento dei sintomi. 

Gli alimenti in natura privi di glutine sono molti, frutta verdura, carne, pesce e uova, ma anche prodotti come pane, pizza, pasta, biscotti e torte realizzate a base di farine prive di glutine.

Per orientarsi in modo più sicuro tra i prodotti presenti in commercio e per essere certi di scegliere dei prodotti privi di glutine, è necessario prestare molta attenzione alla presenza del simbolo della spiga sbarrata, oltre al fare riferimento alle indicazioni dellAssociazione Italiana Celiachia (AIC).